Comune di Cusano Mutri  
 
 
>>> >>> >>>  sito ufficiale web  del comune
 
 
 
FESTIVITA'
http://www.comunecusanomutri.it/index.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000002.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000003.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000004.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000005.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000006.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000007.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000008.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_00000a.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000001.htm barra nuovo comune 02
 
HOME Indice
 
 
LA SPINA SANTA  
elaborazione grafica e impaginazione web a cura di M. Orsino
LA SPINA SANTA 
 
La chiesa di San Giovanni Battista di Cusano Mutri possiede una spina da sempre ritenuta provenire dalla corona di Cristo. 
 
Si tratta di una ramnacea lunga circa due centimetri e mezzo di cui uno infisso in un anello per ancorarla. 
 
E’ tradizione che questo aculeo ligneo, insieme ad altri due, sia stato portato da un crociato, tal Barbato Castello, di ritorno dalla Terra Santa. Questi, giunto nel nostro territorio, andò incontro ad alcuni fenomeni. Inseguito saltò nella forra di Caccaviola, da una altezza paurosa, dalla quale uscì senza un graffio. Ancora oggi il posto è detto “Zumpe o Barbate” (Salto di Barbato). 
 
E’ scritto che la popolazione faceva ricorso alla Spina Santa, tenuta in soma venerazione, ed esposta nei tempi di calamità ed altri bisogni (terremoto, piogge o siccità) venendone esaudita. 
 
Nel 1693 la Spina diventò due volte di colore rosso vivo come una candela accesa. Ciò accadde ugualmente per due volte il 3 febbraio del 1710 durante la processione di S. Onofrio. Un altro miracolo lo troviamo descritto in modo dettagliato nell’atto notarile del 3 agosto 1805.
 
In quel giorno, poiché era ancora in atto il terremoto cominciato il 26 luglio, si fece una processione di penitenza, trasportando la “Spina Santa”, un altro ostensorio con la reliquia del Legno della S. Croce e la statua della Vergine Addolorata, al “Monte Calvario”. 
 
Lì giunti, mentre si impartiva la benedizione con detta reliquia, la punta di questa divenne bianca, come se stesse per fiorire (1). 
 
La processione penitenziale molto commovente, viene perpetuata, ab immemorabile,  la mattina presto (dalle ore 6)  del 3 agosto di ciascun anno con la partecipazione di una moltitudine di popolo.     
 
-------------- 
(1) Si racconta che vide per prima la spina fiorire  con alla punta un fiore simile ad un “garofonino rosso”  tale Civitillo Mariangelica abitante in contrada Vaglie, presente tra i fedeli nella mattina del 3 agosto del 1805 [ndr. m. orsino] 
 
 
 
____________________________________________________________ 
© 2001- designer by webmaster.orsino - cusano mutri - tel. 338 2465097